Convenzioni cure Termali

Convenzioni Cure termali con S.S.N.

Le cure termali sono convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale.
Tutti i cittadini italiani hanno diritto, una sola volta nell’anno, ad un ciclo di cure termali della durata di 12 giorni.
E’ sufficiente presentarsi allo stabilimento con l’impegnativa del medico curante (medico ASL o specialisti convenzionati) riportando l’indicazione della patologia da trattare, scelta tra quelle convenzionate.
Nel momento in cui si è in possesso dell’impegnativa si può prenotare telefonicamente per l’ammissione alle cure o presentarsi direttamente alle Terme di Caramanico.

Convenzioni Cure Termali con INPS

Alle Terme di Caramanico gli assistiti INPS possono usufruire di un ciclo di cure termali grazie alla convenzione che l’Albergo Maiella ha stipulato con l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale.
Possono accedere alle cure termali tutti i lavoratori dipendenti ed autonomi iscritti all’INPS che abbiano 5 anni di assicurazione presso l’INPS e 3 anni di contribuzione nel quinquennio precedente la domanda. Il costo delle cure è a carico del Servizio Sanitario Nazionale, mentre quello del soggiorno è a carico dell’INPS.
I turni di cura hanno la durata di due settimane (tredici giorni di soggiorno e dodici di cure, dal lunedì della prima settimana al sabato della seconda), secondo il calendario stabilito dall’INPS nella sezione “INPS Comunica” – “Assistenza termale ed Alberghiera”.

25 mg, 10 mg |

Convenzioni Cure Termali con INAIL

Alle Terme di Caramanico gli assistiti INAIL possono usufruire di un ciclo di cure termali grazie alla convenzione che l’Albergo Maiella ha stipulato con l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro.
I lavoratori infortunati possono usufruire di cure idrofangotermali, a carico dell’Ente, in seguito al controllo e verifica da parte del medico dell’INAIL.
La prestazione è a carico del Servizio Sanitario Nazionale e il lavoratore dovrà essere, quindi, tenuto al pagamento del “ticket” nella misura prevista dalla legge. Hanno diritto alla prestazione i lavoratori infortunati o affetti da malattia professionale durante il periodo di inabilità temporanea assoluta, i titolari di rendita per i quali non sia scaduto l’ultimo termine di revisione e i malati di silicosi o di asbestosi senza limiti di tempo.
Per ottenere la prestazione bisogna presentare la richiesta alla Sede INAIL di appartenenza. Il medico dell’INAIL stabilisce, per le cure, l’opportunità, la tipologia e la durata tenendo conto dell’elenco tassativo del Ministero della Salute circa le patologie che possono trovare reale beneficio dalle cure termali.